Top

Si dice che il nostro sia il paese più bello del mondo, ma proprio per questo le folle di turisti stranieri che lo visitano spesso rendono poco godibili i viaggi nel Bel Paese. Perché allora non allontanarsi dalle mete più gettonate e riscoprire i posti insoliti in Italia?

Preparate la valigia, perché condividiamo con voi la nostra personale lista di luoghi particolari tutti da riscoprire!

Italia segreta: 16 posti insoliti tutti da riscoprire

1. Rocchetta Mattei: il Castello delle Meraviglie (Emilia Romagna)

Al confine tra Emila Romagna e Toscana potrete intravedere arroccato su un’altura un castello orientaleggiante, le cui torri terminano con splendenti cupole dorate.

Si tratta della Rocchetta Mattei e se è soprannominata il Castello delle Meraviglie ci sarà un buon motivo!

Posti insoliti in Italia

Ogni angolo del castello è infatti ricco di simboli, decorazioni e illusioni ottiche per volere del suo eclettico fondatore, il conte Cesare Mattei,  padre dell’elettromeopatia.

Considerando la rocca come un tempio del benessere, qui il conte ospitò dalla fine dell’Ottocento personaggi illustri del suo tempo, tra i quali anche la principessa Sissi, per introdurli alla sua “nuova medicina”.

Rocchetta Mattei ingresso

Gli ambienti sono unici e in stili completamente diversi: dalla colorata Sala dei Novanta in stile liberty, alla Sala Rossa con il soffitto piramidale in carta pressata e decorazioni moresche. Dal Cortile Pensile, che ricorda i racconti elfici, al Cortile dei Leoni, visibile copia dell’Alhambra di Granada.

2. Orrido di Bellano: un canyon nascosto sul Lago di Como (Lombardia)

Chi raggiunge il Lago di Como di solito vuole visitare le sontuose ville che si affacciano sulle sue sponde oppure rinfrescarsi tra le sue acque. Ma pochi sono coloro che visitano l’Orrido di Bellano (forse per il nome che non promette molto bene!). Anche per noi è stata una bella scoperta, ma consigliamo di non perdere l’occasione di visitarlo se passate da queste parti!

Orrido di Bellano

Si tratta infatti di un canyon naturale, visitabile tramite un sistema di passerelle, al cui termine troverete una cascata e un piccolo giardino. A chi soffre di vertigini potrebbe causare qualche problemino, ma consigliamo di farsi coraggio perché questo luogo è davvero una piccola gemma lombarda!

L’acqua scava gorgogliando la roccia della montagna formando questa gola e il contrasto del turchese del torrente, il grigio-rosato della montagna e il verde della vegetazione creano un’atmosfera incantata.

3. La Vigna di Leonardo: una storica vite urbana (Lombardia)

Non tutti sanno che mentre Leonardo Da Vinci lavorava all’Ultima Cena gli venne concessa dal duca di Milano una vigna proprio di fronte alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie.

La vigna di Leonardo

Questa vigna nel cuore della città ha resistito fino ad oggi ed era tanto importante per il maestro da citarla persino nel suo testamento.

Tuttora nella vigna di Leonardo viene coltivata la vite dei suoi tempi e viene prodotto un vino unico al mondo: la Malvasia di Milano.

4. Giardino dei Ciuciòi: il giardino pensile dimenticato (Trentino Alto Adige)

Si tratta di un giardino pensile risalente a metà Ottocento, da pochissimo riaperto al pubblico e dunque sconosciuto ai più.

Il Giardino dei Ciucioi è composto da un alternarsi di terrazzamenti, elementi di architettura eclettici e romantici, ma anche simboli massonici. Si pensa infatti che un tempo qui si riunisse persino una Loggia!

Al momento del suo massimo splendore il giardino era ricco di piante esotiche, erbe officinali e aromatiche. Dopo i danneggiamenti subiti nella Grande Guerra, negli ultimi anni è stato restaurato e riportato alla sua antica bellezza, fatta di guglie moresche, un castello e una grande serra.

5. Campanile sommerso di Curon: un simbolo malinconico (Trentino Alto Adige)

Il Campanile di Curon è un altro luogo insolito che non potete perdervi in Alto Adige.

Si tratta infatti di un campanile sommerso che svetta sul Lago di Resia, circumnavigabile grazie ad un percorso che permette di ammirarlo da ogni angolazione.

Campanile di Curon

Per quanto possa sembrare affascinante e fiabesco, il campanile è in realtà ciò che rimane del paese di Curon, distrutto e poi sommerso a causa della costruzione di una diga nelle vicinanze.

6. Isola di San Giulio: tra racconti e misteri (Piemonte)

L’Isola di San Giulio si trova nel mezzo del Lago d’Orta, in provincia di Novara, ed è costituita da poche abitazioni private, una basilica romanica e un’abbazia sorta sulle rovine di un antico castello.

Isola di San Giulio

Citata in letteratura da Gianni Rodari e Umberto Eco, quest’isola è sempre stata avvolta dal mistero e teatro nei secoli di leggende e superstizioni. L’ideale per una gita fuori porta!

7. Templi dell’Umanità di Damanhur: l’Ottava Meraviglia del Mondo (Piemonte)

A circa 50 km da Torino si trova una spettacolare costruzione sotterranea della comunità spirituale Damanhur. I Templi dell’Umanità, definiti “l’Ottava Meraviglia del Mondo”, è un complesso di sale scavate nella montagna, un tripudio di colori, decorazioni, mosaici, luci e sculture.

Ciascuna delle sette sale principali ha un nome mistico ed è decorata con elementi diversi in base al tema. Un gioiello nascosto da mozzare il fiato!

8. Il Labirinto della Masone: il più grande del mondo (Emilia Romagna)

È il più grande labirinto del mondo, composto da circa 200 mila piante di bambù. Il Labirinto della Masone si trova a Fontanellato, in provincia di Parma, ed è un vero spettacolo da non perdere!

Se avete un drone, i video dall’alto cattureranno la particolare e unica geometria di questo luogo insolito.

9. Grazzano Visconti: un borgo medievale sospeso nel tempo (Emilia Romagna)

Vi piacerebbe ritornare al tempo di dame e cavalieri, arcieri e stregoni? Se la risposta è sì, questo borgo medievale tra i Colli Piacentini fa al caso vostro!

Grazzano Visconti ingresso

Grazzano Visconti è un piccolo gioiello fondato intorno al 1200 da una delle più importanti signorie del tempo, i Visconti.

Ancora oggi passeggiando per le stradine acciottolate del suo centro storico pedonale circondato da casette in pietra, visitando il suo magnifico castello ed entrando nelle botteghe degli artigiani locali al cui ingresso torreggiano ancora le insegne in ferro battuto, sembra davvero che il tempo si sia fermato.

Grazzano Visconti

Periodicamente vengono organizzate rievocazioni storiche, giornate magiche, tornei di tiro con l’arco e mercatini artigianali.

10. Castello di Sammezzano: un castello arabeggiante (Toscana)

Questo straordinario esempio di architettura moresca e orintaleggiante, dai colori vividi e decorazioni mozzafiato, dovrebbe essere un vanto per il nostro Paese. Invece è un gioiello lasciato al degrado da anni di aste e burocrazia.

Purtroppo, nonostante sia ai primi posti dei Luoghi del Cuore del FAI da diverso tempo, il Castello di Sammezzano non è aperto al pubblico se non durante eventi straordinari, come le Giornate del FAI (i biglietti sono subito sold out!).

11. Giardino dei Tarocchi: il Parc Güell italiano (Toscana)

Situato in una frazione di Capalbio, in provincia di Grosseto, il Giardino dei Tarocchi è soprannominato “il Parc Güell italiano” proprio grazie alle sue sculture colorate e stravaganti.

Giardino dei Tarocchi

Un parco eclettico e particolare, ispirato alle figure dei tarocchi e ideato dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle.

12. Abbazia di San Galgano: il fascino del decadente (Toscana)

Tra i luoghi strani e particolari della penisola troviamo anche l’Abbazia di San Galgano a Chiusdino, in provincia di Siena.

Abbazia di San Galgano

Perché vale la pena visitarla? Beh, perché è un’antica abbazia senza soffitto, quindi è la location perfetta per foto super instagrammabili e per chi ama i posti perduti e decadenti.

13. Parco dei Mostri di Bomarzo: un meraviglioso giardino di pietra (Lazio)

Il Parco dei Mostri di Bomarzo, detto anche Sacro Bosco di Bomarzo o Villa delle Meraviglie di Bomarzo, è un particolare giardino di pietra in provincia di Viterbo.

Parco dei Mostri Bomarzo

Commissionato dal principe Orsini, questo parco insolito è adornato da immense statue grottesche, come il famoso Orco, simbolo della tenuta.

Le figure mitologiche e divine che lo abitano gli conferiscono un fascino misterioso, ricco di richiami alla letteratura e alle antiche leggende.

14. La Scarzuola: la “città ideale” (Umbria)

La Scarzuola si trova in provincia di Terni ed è famosa per la “città ideale” costruita dall’architetto milanese Tomaso Buzzi.

Una meraviglia architettonica dove il numero sette si ripropone varie volte (sette sono infatti i teatri e i monumenti).

Un luogo magico, intriso di simbolismo, esoterismo e metafore nascoste che accompagnano ad ogni passo il visitatore in una nuova visione e illusione.

15. Torre del Serpe: la torre spezzata a guardia di Otranto (Puglia)

Lungo la costa pugliese che si affaccia sull’Adriatico si trova questa torre sezionata in senso verticale.

Simbolo di Otranto, è protagonista di antiche leggende, tra cui quella di un serpente che di notte risaliva la torre per bere l’olio delle lampade che illuminavano come un faro la via ai marinai (da qui il nome).

Torre del Serpe Otranto

Questo baluardo oggi è poco frequentato dai turisti, ma non ha perso il suo fascino nonostante sia in rovina. Per arrivarci parcheggiate vicino all’Agriturismo “Da Marta” e continuate a piedi lungo il sentiero che porta verso il mare: non potrete sbagliarvi, vedrete in lontananza la torre abbandonata proprio sulla cima della scogliera.

16. Labirinto di Arianna: la metafora di un viaggio interiore (Sicilia)

Un percorso non solo fisico ma anche interiore, che vi condurrà al centro del labirinto, dove è nascosto un premio!

Labirinto di Arianna

Il Labirinto di Arianna si trova in provincia di Messina ed è costituito da calcestruzzo patinato, di color terracotta, un materiale che è stato modellato negli anni dagli agenti atmosferici e dal passaggio dei visitatori.

Un posto insolito, sì, ma anche spirituale, una metafora del viaggio che ognuno di noi intraprende verso la conoscenza, del mondo e di sé.

Speriamo di avervi dato qualche idea interessante per le vostre prossime gite fuori porta!

Amici viaggiadegustatori, se siete a caccia di posti insoliti e particolari in Italia e non solo, date un’occhiata alla nostra rubrica dedicata!

Se questo articolo vi è piaciuto, mettete un cuoricino e condividetelo!

Food explorers e bevitori incalliti, viaggiamo part-time per meravigliarci e per cercare gusti sempre nuovi che sappiano farci dire “Wow!”. Tra noi è stato “amore al primo morso”, perché la passione per il cibo ci unisce da sempre ed è anche il motore dei nostri #viaggicicciosi. Se anche tu sei un viaggiadegustatore, esplora il nostro blog alla ricerca di ispirazioni per i tuoi prossimi viaggi!