Top

Stanchi del solito all you can eat, dove vi sfondate di sushi in tempi record e uscite rotolando? Allora non perdetevi questi 5 ristoranti giapponesi economici a Milano per viaggiare degustando pur rimanendo in città (ma senza restare al verde)!

Perchè la cucina nipponica non è fatta di solo sushi!

Ristoranti giapponesi economici Milano

5 Ristoranti giapponesi economici a Milano

1. Poporoya (zona corso Buenos Aires)

Se non siete mai stati in questo ristorante giapponese cult di Milano, dovete assolutamente rimediare!

Poporoya è un’istituzione per chi in città vuole assaporare la vera cucina nipponica, senza troppe salse o fronzoli “all’occidentale”.

Poporoya

Si tratta infatti di uno dei primi locali giapponesi aperti nel capoluogo lombardo e ancora oggi è uno dei pochissimi in Italia ad essere riconosciuto come ristorante autentico della tradizione del Sol Levante.

Dall’esterno sembra una piccola bottega qualunque, ma entrando si viene catapultati direttamente in Giappone, in uno di quei sushi bar tradizionali con le tendine alla porta e al bancone, pochi tavoli, menu semplice con foto di ogni piatto. E un sushi man, Shiro, con la fascetta in testa e il sorriso di chi ama preparare i propri piatti ad ogni singolo cliente.

Poporoya Chirashi

Qui il piatto forte è il chirashi, una ciotola di riso e pesce crudo con alghe e verdure, un’esperienza mistica da Poporoya perché il pesce si scioglie letteralmente in bocca!

Ma non è l’unica specialità gustosa nel menu: oltre ai piatti di sushi, infatti, potete trovare anche la tempura, gli udon, i gyoza e molti altri!

Dove: via Eustachi 17

Prezzi: Chirashi (16.50€) x2 = 33 € 

Recensione: considerando che è il chirashi migliore che abbiamo mai mangiato e vista l’abbondanza del piatto, siamo usciti più che soddisfatti! Unica pecca: c’è sempre fila all’ingresso e non si può prenotare, quindi arrivate con largo anticipo!

2. Takochu (zona Navigli)

È un posticino con un lungo bancone, qualche sgabello e tante lanterne colorate, adatto ad un pranzo veloce o a un aperitivo, anzi, un aperiyaki!

Takochu

Takochu

Sì, perché da Takochu, passeggiando sui Navigli e in piena movida milanese, si possono gustare le specialità tipiche dello street food giapponese: i mitici takoyaki, polpettine fritte a base di polpo originarie della zona di Osaka, da mangiare una ad una in un sol boccone!

Takoyaki

Vengono preparate al momento sotto i vostri occhi e potete scegliere tra la versione originale, con katsuobushi (fiocchi di pesce disidratato) e salsa okonomi, oppure optare per le varianti fusion, come i “takotacos”, con salsa messicana piccante e chips di tortillas. Attenzione al katsuobushi: sopra ai takoyaki caldi “prende vita”!

Takochu: takoyaki fusion

Takochu menu

Dove: Via Casale 3/A

Prezzi: Takoyaki Original (5€)

Recensione: ottimo rapporto qualità/prezzo e giappo street food diverso dal solito!

3. Maido! (zona Navigli)

Questo locale ha portato a Milano un altro popolare piatto dello street food giapponese, sempre originario di Osaka: l’okonomiyaki.

Okonomiyaki

Il nome Maido!  significa “come piace a te!” e anticipa la gustosità di questa frittata a base di farina, verza e uova, preparata e cotta su una piastra ad hoc (teppan). A seconda delle preferenze, si aggiungono all’impasto verdure, carne, formaggio o gamberetti, e si rifinisce con salsa okonomi, fiocchi di alghe verdi e katsuobushi.

Maido! maniglia

Maido!

L’atmosfera che si respira è in perfetto stile cartone animato giapponese –sembra di essere nel ristorante di Marrabbio in “Kiss me Licia”, per intenderci; qui infatti si possono trovare anche altri piatti tradizionali che ci ricordano la nostra infanzia davanti alla TV, come l’onigiri (polpettina di riso triangolare con cuore di pesce), i takoyaki e la zuppa di miso, fino ai più occidentali rice burger e bowl.

Maido! Onigiri

Maido! Onigiri

Maido! Bowl

Dove: via Savona 15

Prezzi: Zuppa di miso (3.50€) + Onigiri (3.50€) + Okonomiyaki Pork (8.50€) + Sakana Bowl (12€) =  27.50€ 

Recensione: i piatti sono tutti gustosissimi, ma vi consigliamo di provare assolutamente l’okonomiyaki perchè è davvero top!

4. Casa del Ramen (zona Navigli)

La cucina giapponese non è fatta solo di sushi e lo dimostra benissimo questo ristorantino casalingo e informale!

Casa del Ramen

Alla Casa del Ramen la specialità è, appunto, il ramen, una zuppa a base di tagliatelle di frumento in brodo, accompagnata da altri ingredienti come uova, carne/pesce, alghe, verdure e insaporita con salsa di soia o miso.

Precisiamo che la gestione del locale è cinese, ma questo non pregiudica la bontà dei piatti. Infatti l’origine del ramen è tuttora fortemente dibattuta tra Cina e Giappone!

Casa del Ramen: ramen di manzo

Casa del Ramen interno

Casa del Ramen: ramen di anatra

Qui la scelta tra le versioni di ramen è ampia, noi abbiamo assaggiato quelli a base di anatra e manzo e vi possiamo assicurare che erano ottimi!

I noodles vengono preparati al momento, “allungati” a mano con grande maestria e poi gettati nel pentolone a cuocere nel brodo, quel brodo saporito che lega insieme armoniosamente tutte le componenti di questo piatto unico che sazia lo stomaco e l’anima.

Casa del Ramen: ramen girl

Se non riuscite a raccogliere dal fondo con il cucchiaio gli ultimi residui di brodo, non vergognatevi e bevetelo direttamente dalla ciotola, sarà un complimento alla chef!

Casa del Ramen

Casa del Ramen

Oltre al ramen, nel menu gli altri piatti della tradizione che troverete sono ravioli e bao, cha non abbiamo provato perché già sazi dopo l’abbondante piatto di ramen!

Dove: via Solari 23

Prezzi: Ramen (10€) x2 = 20 € 

Recensione: il ramen qui ha davvero un sapore unico, sazia subito e allo stesso tempo vorreste che non finisse mai! Prezzo onesto e atmosfera super informale, ci si sente a casa.

5. Bentoteca Milano (zona Sant’Agostino)

Il nome del nuovo ristorante dello chef stellato giapponese Yoji Touyoshi già anticipa il piatto forte del locale: la mitica bentō box.

Bentoteca Milano: bento box

Ma attenzione a banalizzare la “schiscetta” nipponica a base di riso, verdure e carne/pesce, perché qui alla Bentoteca Milano i sapori tipici della cucina giapponese si fondono con gli ingredienti della tradizione italiana, regalando un viaggio sublime nel gusto.

Bentoteca Milano: panda

Bentoteca Milano: udon wagyu

Oltre alle bentō box, infatti, potrete assaporare piatti come il piccione ubriaco (marinato al sake!) o gli udon con wagyu scottato, i katsusando, tipici panini dello street food giapponese, oppure i super instagrammabili panini al vapore a forma di panda, con burro aromatizzato alle nocciole e pesto di acciughe.

Dove: via Calocero 3

Prezzi: Panda, burro e acciughe (12€) + Katsusando di lingua di vitello (14€) + Udon wagyu (32€) + Yakiniku Bentō box (24€) = 82€ 

Recensione: Ok, abbiamo detto “ristoranti giapponesi ECONOMICI a Milano” e questo conto non è certo low cost per un pasto di coppia. Però ci teniamo a precisare che sia gli udon che la bentō box scelti da noi sono i più cari di tutto il menu, perchè i tipi di carne utilizzati sono particolarmente pregiati. Detto questo, la qualità delle materie prime si sente ed è indiscutibile. Considerando anche che in cucina c’è una brigata stellata, il conto ci sembra più che ragionevole e corretto in rapporto all’esperienza. Rispetto ad altri ristoranti giapponesi alla carta che si trovano in città, questo locale è decisamente più economico!

Vi abbiamo fatto venire l’acquolina in bocca con questi ristoranti giapponesi economici di Milano, vero?!?

Amici Viaggiadegustatori, che voi siate in viaggio o a due passi da casa, non perdetevi gli articoli nella sezione Cosa Mangiare Dove e seguiteci anche sui social!

Se questo articolo vi è piaciuto, condividetelo!

Food explorers e bevitori incalliti, viaggiamo part-time per meravigliarci e per cercare gusti sempre nuovi che sappiano farci dire “Wow!”. Tra noi è stato “amore al primo morso”, perché la passione per il cibo ci unisce da sempre ed è anche il motore dei nostri #viaggicicciosi. Se anche tu sei un viaggiadegustatore esplora il nostro blog alla ricerca di ispirazioni per i tuoi prossimi viaggi!